Pubblicità per ristoranti: l’unica strategia che funziona davvero

Quando si parla di pubblicità per ristoranti, la confusione regna sovrana. In questo post cercherò di fare chiarezza e di illustrare quale sia l’unica strategia che funziona davvero per portare clienti nei locali che somministrano cibi e bevande, senza utilizzare terminologie tecniche e senza dare per scontato nulla.

Indice:

Ho un ristorante aperto da un paio di anni e le cose non vanno affatto come ce le eravamo aspettate. Nonostante l’impegno, la passione e la fatica che ci mettiamo, facciamo fatica a star dietro alle spese e il morale è davvero a terra. Ma la cosa che più ci fa arrabbiare è che i clienti apprezzano i nostri piatti, ce lo dicono apertamente… e questo non fa che aumentare il rammarico! Cosa non riusciamo a capire? Cosa dobbiamo fare per riuscire, finalmente, a raggiungere i risultati che crediamo di meritare?”.

Questa è l’ennesima email che ho ricevuto da un ristoratore che fa fatica a raccogliere i risultati che “crede di meritare“.

Cosa sfugge all’amico ristoratore che mi ha scritto l’email pubblicata qui sopra?

E alle altre decine di ristoratori che mi chiedono sempre la stessa cosa?

Ciò che sfugge a questi ristoratori è che lavorare bene, proporre portate di buon livello a prezzi che vengono percepiti come giusti, in un locale ben arredato e nel quale tutto funziona alla perfezione sia in cucina che in sala NON è sufficiente a garantire ad un locale un numero sufficiente di coperti a fine serata.

Ma questo credo te l’abbiano già detto, giusto?

Ti dico questo perché ancora oggi oltre il 50% dei ristoratori è convinto che bastino i soliti ingredienti (buona cucina, qualità del servizio, prezzi adeguati) per portare al successo il proprio locale. Purtroppo per loro questa convinzione non li porterà mai a ottenere dei risultati davvero soddisfacenti.

Se sei arrivato a leggere questo post è perché:

  1. Hai cercato su Google: “pubblicità per ristoranti” o…
  2. hai cliccato sul titolo di questo post che hai visto su Facebook.

Pertanto, dimostri di aver compreso come la pubblicità sia necessaria per portare al successo un ristorante.

I puristi del marketing già qui inorridiranno perché ho usato un termine semplice quale “pubblicità” anziché utilizzare parole in gergo tecnico quali:

  • acquisizione clienti;
  • lead generation;
  • strategia di marketing;
  • eccetera eccetera,

ma io, francamente, me ne frego. Ho letto e leggo ogni giorno gli articoli scritti dalla “concorrenza” e, per quanto in taluni casi si tratti di professionisti esperti e competenti, tutti commettono lo stesso errore: non parlano come mangiano… e, nel caso della ristorazione, direi che ci troviamo di fronte a un problema ancor più grave…

Pertanto, continuiamo a parlare di marketing per la ristorazione utilizzando però termini che chiunque può capire; anche perché questo è ciò che mi sono riproposto di fare sin da quando ho iniziato a svolgere questa professione, anni e anni or sono.

Se è vero, come è vero, che non basta “svolgere bene il proprio lavoro” per portare al successo un ristorante, di cosa hai bisogno per ottenere questo risultato? Fare pubblicità, giusto?

Fingiamo, per un momento, che sia così.

Come fare pubblicità per un ristorante

Il problema ora è capire come farla, questa pubblicità.

Già, perché sicuramente hai già fatto alcune (se non tutte) delle seguenti operazioni:

  • Volantini e manifesti;
  • Sito web con quelli degli elenchi che ti hanno promesso di essere “primo su Google”;
  • Sponsorizzato sagre di paese, la Pro Loco e la squadra di calcio;
  • Acquistato spazi pubblicitari sul settimanale e la radio locale.

Ma immagino che nessuna di queste cose ti ha portato risultati rilevanti.

Anzi, posso tranquillamente dirti che hai buttato via i tuoi soldi.

Ora ti spiego, invece, come puoi fare pubblicità per il tuo ristorante e ottenere dei risultati concreti, misurabili e riproducibili su larga scala. Pertanto, presta la tua attenzione massima e leggi quel che sto per dirti.

Ti chiedo solo, prima di continuare, di “donarmi” un semplice “+1” cliccando sul pulsante qui sotto:

 

per te non è niente ma per me può essere utile a far sì che lo stesso post venga letto da molte più presone.

Come ottenere prenotazioni in quantità

Per ottenere davvero prenotazioni in quantità per il tuo ristorante ti basta seguire i seguenti passaggi:

  1. Studia una promozione DAVVERO intrigante e vantaggiosa per convincere le persone che non ti conoscono a effettuare una prenotazione (ovviamente solo nei giorni prestabiliti);
  2. Crea una pagina sul tuo sito in cui spieghi tutti i dettagli della promozione, la data di scadenza, le modalità per prenotare eccetera;
  3. Crea un’inserzione sponsorizzata su Facebook Ads (la pubblicità a pagamento su Facebook) e assegnagli un budget;
  4. Diffondi l’inserzione alle persone che vivono nei pressi del tuo ristorante.

Et voilà, il gioco è fatto!

Ti posso assicurare che questa promozione ha dato risultati davvero formidabili a chi l’ha messa in pratica.

Però…

Però devo dirti la verità… ci sono alcune cose che devi sapere se vuoi fare in modo che questa strategia funzioni DAVVERO.

Perché altrimenti anche questa forma di pubblicità potrebbe essere inutile come quelle che hai fatto finora.

Uno dei primi problemi che potrebbero insorgere è il seguente: non sai come si crea una campagna su Facebook Ads.

Come creare promozioni con Facebook

Questo è un problema. Perché delegare un’agenzia per farlo potrebbe costarti più dei benefici che ne trarresti e perché fare pubblicità su Facebook Ads è solo apparentemente semplice ma le insidie sono dietro l’angolo.

Non sempre Facebook è in grado di portarti nuovi clienti nel locale, come spiego in questo articolo: “Ti hanno detto che Facebook ti porterà clienti? Non è vero, a meno che…“.

Infatti, aprirsi un account su Facebook Ads e creare un’inserzione è molto facile. Ma creare un’inserzione vincente è molto più complicato, anche se ti basta fare un po’ di pratica e acquisire gli strumenti giusti per risolvere il problema.

pubblicità per ristoranti

Ma diamo per scontato il fatto che tu sappia come creare un’inserzione su Facebook (se nel tuo staff c’è un ragazzo giovane un po’ smanettone potresti acquistargli un corso online per fare pubblicità su Facebook e delegargli il compito della creazione delle inserzioni).

Ciò che rende una promozione davvero vincente NON é il fatto di crearne una del tipo:

  • 20% di sconto per una cena per due persone.

Di offerte del genere ce ne sono a decine e raramente ottengono grandi risultati.

Ciò che dovresti fare è limitare il raggio di azione della tua inserzione, decidendo di puntare su una nicchia di persone o su una offerta particolare che vada a stuzzicare il tuo “target” di clientela… ops… “target di clientela” potrebbe essere un concetto troppo tecnico e poco comprensibile.

Qual è il target tipo del tuo ristorante? Quali caratteristiche ha la tua clientela?

Se la risposta è: non lo so, oppure: il mio ristorante si rivolge a tutti… allora hai un problema (e sono due).

Infatti, i ristoranti generalisti, che non hanno un target preciso a cui rivolgersi sono quelli che soffrono di più in questa fase storica.

Per quanto riguarda le inserzioni su Facebook, se il tuo ristorante avesse come target principali quello delle “coppie” per una cena romantica, o quello delle “famiglie con bambini” o, ancora, quello delle comitive di amici (magari le squadre di calcetto al lunedì…) otterresti un duplice risultato:

  1. Potresti creare un’offerta particolare (cena di coppia in cui paga solo uno dei due; cena di famiglia in cui i bimbi non pagano; cena di squadra minimo 10 persone a prezzo fisso eccetera eccetera);
  2. Spenderesti MOLTO meno perché quanto più la tua offerta sarà limitata ad un “pubblico” di riferimento preciso e limitato tanto più contenuti saranno i costi della stessa;

In pratica avrai un’inserzione che davvero colpirà un target preciso di persone e ti costerà decisamente poco.

Se poi il tuo ristorante fosse anziché generalista ma specializzato in qualcosa il tuo compito sarebbe ancor più semplice.

Se hai una specialità (pesce, vegetariani, carne, cacciagione, cucina tipica del luogo, etnico, eccetera) è molto più semplice attirare persone “in target”, ossia potenziali clienti che non solo usufruiranno della promozione ma che potrebbero diventare nuovi clienti fedeli.

Se il tuo locale è generico e si rivolge a tutti… diciamo che è tutto un po’ più difficile (ma non c’è da disperarsi, è un problema risolvibile).

Però qui abbiamo toccato un altro punto molto importante del discorso relativo alla pubblicità per un ristorante.

Perché devi puntare a fidelizzare i tuoi clienti con le promozioni

Se crei una promozione molto vantaggiosa e che ha successo, ma poi non sei in grado di trasformare quei nuovi clienti occasionali in clienti fedeli allora non starai costruendo nulla di concreto per il tuo locale.

Come dico sempre:

una strategia di acquisizione clienti che non è finalizzata alla fidelizzazione dei clienti stessi è una strategia fallimentare.

Infatti, ogni promozione ha un costo.

Oltre al costo della campagna in sè dovrai sostenere anche i mancati introiti che incasserai a causa dello sconto relativo alla promozione stessa. Se adotti, ad esempio, la strategia: venite in due e paga uno solo, tu a fine serata avrai sicuramente incassato molto, ma i guadagni saranno decisamente contenuti, visto che la metà dei clienti avrà cenato a tue spese…

Per evitare che questa spesa diventi un mancato guadagno e per trasformarla invece in un vero e proprio incremento stabile di fatturato dovrai far sì che buona parte dei clienti “da promozione” diventino tuoi clienti fedeli.

E no, anche in questo caso non devi illuderti: non ti basterà essere cortese e proporre portate ben preparate nonostante la promozione per assicurarti che parte di quei clienti tornino da te.

Accade ormai raramente, come diceva il nostro amico nell’email con cui ho aperto questo post.

Ci sono persone che vengono nel tuo ristorante una volta, si trovano bene, ti fanno i complimenti ma poi non li rivedi più, e non solo perché si tratta, magari, di turisti di passaggio.

Oggi c’è troppa offerta e troppa “confusione” perché le persone possano trasformarsi in clienti fedeli di un ristorante solo perché si sono trovati bene una volta.

Ciò che devi fare è applicare delle strategie di fidelizzazione clienti. Strategie che non puoi inventare e non puoi improvvisare ma che devi, invece, apprendere da chi le insegna e le applica da anni… (scarica l’ebook gratuito: “I 5 Segreti per portare al successo il tuo ristorante“).

Pertanto, se non hai un sistema per fidelizzare i tuoi clienti occasionali… hai un altro problema.

E iniziano ad essere parecchi.

E non ho neanche accennato al fatto che contribuisce, più di tutti, a rendere inefficaci la maggior parte delle promozioni: il trattare i clienti che ne usufruiscono come fossero clienti di Serie B o, peggio ancora, alla stregua di scrocconi di passaggio. Sembra impossibile eppure molti ristoratori si comportano in questo modo, salvo poi accorgersi che quel tipo di strategia è assolutamente dannosa…

In questo post ti ho spiegato come creare una campagna pubblicitaria per il tuo ristorante che funziona davvero.

Funziona perché chi la applica correttamente ottiene risultati.

Non è l’unica forma di pubblicità che funziona ma è una di quelle che ti consentono di vedere i risultati da subito e senza spendere troppo. Con 100 euro investiti puoi capire se la cosa fa per te oppure no. Con 100 euro di budget, puoi creare una campagna efficace e i cui risultati sono misurabili.

Ciò che però devi renderti conto è che non basta.

Creare una campagna promozionale e non avere un sistema per fidelizzare quei nuovi clienti per trasformarli in clienti abituali è un errore.

Creare una campagna promozionale per poi trattare come clienti di serie B chi vi aderisce è una follia.

Creare una campagna promozionale generica, da proporre a un pubblico indefinito potrebbe renderla inefficace.

Non proporre un’offerta davvero vantaggiosa ma voler fare un po’ i furbi (Incredibile! Offerta Unica! 5 % di sconto se prenoti subito!) renderà inutile la tua promozione.

Pensare che il tuo ristorante abbia bisogno di promozioni per aumentare il fatturato in alcuni periodi dell’anno rappresenta l’errore più comune che i ristoratori commettono.

Devi pensare di avere sempre un flusso di nuovi clienti che arrivano nel tuo ristorante e, per questo, devi programmare delle promozioni vantaggiose finalizzate all’acquisizione di nuovi clienti che siano attive praticamente in ogni periodo dell’anno.

Pensare che sia la pubblicità su Facebook, o su Instagram o il tuo sito a trasformare il tuo locale in un ristorante di successo è un grosso errore.

Ti serve una strategia e non un singolo strumento

Se vuoi davvero ottenere risultati efficaci devi smettere di pensare alla pubblicità così come l’hai concepita finora ma devi iniziare a ragionare in termini di strategia.

Una strategia che preveda:

  • La specializzazione e la differenziazione per il tuo locale in modo da distinguerlo da tutti gli altri;
  • Una comunicazione efficace attraverso il tuo sito, la tua pagina Facebook e le recensioni degli utenti;
  • Un flusso costante di nuovi clienti acquisiti mediante promozioni, public relations e partnership;
  • Un sistema per fidelizzare i tuoi clienti convincendoli a tornare nel tuo locale più volte nel tempo;

e molto altro ancora.

Lo so, può sembrare complicato ma non lo è affatto. E’ necessario solo un cambio di prospettiva e la comprensione che il tuo lavoro, oggi, non consiste più semplicemente nel preparare buone pietanze e nel servirle con cortesia e professionalità quanto, piuttosto, nel saper integrare tutto ciò con una comunicazione adeguata e con una strategia di marketing a 360°.

Di tutto questo parlo nel mio libro “Ricetta Vincente, come avere il ristorante sempre pieno di clienti nonostante la crisi“, che puoi trovare online cliccando qui o su Amazon in versione cartacea ma, prima di procedere all’eventuale acquisto, ti invito a scaricare GRATUITAMENTE questo ebook gratuito, in modo che tu possa valutare il valore della mia proposta formativa:

banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *